Dolci, Ricette, Street food, Vegetariani

Ciambelle fritte o Graffe

ciambelle fritte o graffe- selezione casillo

Le ciambelle fritte o graffe…o meglio ancora come le chiamiamo nella mia zona in provincia di Salerno zeppole, sono dei golosi e soffici dolci di pasta lievitata, che riempiono le vetrine di tutti i bar e pasticcerie della Campania. Posso affermare senza alcun dubbio che sebbene siano un dolce tipico del Carnevale, a Napoli e provincia, sono i dolci più consumati a colazione in ogni periodo dell’anno. Estate e inverno, mattina o sera è sempre il momento giusto per consumarle!

Le ciambelle come la tradizione vuole, vengono preparate soprattutto nelle periodo di Carnevale e come potete immaginare di ricette ce ne sono un’infinità. Io ho la mia, una ricetta che ho avuto tantissimi anni fa da una carissima amica di famiglia, bravissima in pasticceria.  

Ingredienti

Per l’impasto:

250 g di farina per lunghe lievitazioni

125 g di latte fresco

1 uovo

50 g di burro

30 g di zucchero

80 g di lievito madre rinfrescato

o 5 g di lievito di birra

5 g di sale

la scorza di un limone grattugiata

Per spolverizzare:

zucchero semolato q.b.

Per friggere:

olio di semi di arachide 




Preparazione

Mettere nella ciotola dell’impastatrice, l’uovo, lo zucchero, la scorza grattugiata e sbattere bene. Aggiungere il lievito, il latte a temperatura ambiente, la farina a cucchiaiate e lavorare bene. Quando l’impasto sarà liscio e incordato, aggiungere il sale e poi il burro a pomata poco per volta, senza mai smettere di impastare.

L’impasto alla fine risulterà morbido e ben incordato, con le mani leggermente imburrate formare un panetto e metterlo in una ciotola.

ciambelle fritte2

Far lievitare coperto con un foglio di pellicola, in un luogo al riparo da correnti d’aria, fino a quando avrà raddoppiato il suo volume.

Quindi rovesciarlo su un piano leggermente infarinato e stenderlo delicatamente, con le mani leggermente unte. Formare delle ciambelle, utilizzando degli stampi di forma circolare, se non li avete non c’è problema, in casa abbiamo tantissimi oggetti che possono sostituirli (bicchieri, tazze, tappi di bottiglia).

Alla fine, lavorare velocemente le parti dell’impasto avanzato, stendere e coppare, procedere così fino alla fine dell’impasto.

ciambelle fritte3

Appoggiare le ciambelle su carta forno leggermente infarinata e far lievitare finchè saranno raddoppiate di volume.

ciambelle fritte4

Friggerle in abbondante olio, poche per volta, girandole spesso.

Poichè l’impasto risulterà  molto soffice, per evitare di rovinarlo, consiglio di ritagliare la carta forno e di far cadere anch’essa nell’olio.

La ciambella si staccherà  facilmente e con una pinza da cucina togliere a questo punto il pezzo di carta forno dall’olio. Quando saranno ben dorate da entrambi i lati, scolarle su un foglio di carta assorbente da cucina.

Passarle nello zucchero semolato e servirle calde.

ciambelle fritte o graffe

Ciambelle fritte o Graffe