Roccocò

Roccocò

Il roccoco, per chi non lo conoscesse, è uno dei dolci della tradizione natalizia partenopea. Uno dei tantissimi dolci che riempiono le tavole di tanti italiani, croccante e speziato.

Mi ricordano tanto la mia infanzia, quando vassoi pieni di roccocò e altri dolci natalizi, magicamente apparivano sul tavolo, ogni volta che qualche amico veniva a farci gli auguri. Si conservano a lungo e portano in tutte le case il magico profumo del Natale, un mix di noce moscata, chiodi di garofani e cannella.

Ingredienti

500 g di farina 00

400 g di zucchero

300 g di mandorle pelate

5 g di ammoniaca per dolci

150 g di acqua

1 dose di pisto (mix di aromi per roccoco)

oppure 35 chiodi di garofano 1 cucchiaino di cannella 1/2 cucchiaino di noce moscata

la buccia grattugiata di un limone, 1 arancia e 4 mandarini (biologici)

1 tuorlo e 2 cucchiai di latte per spennellare la superficie dei biscotti

Preparazione

Tostare le mandorle in forno caldo a 180°C per 7-8 minuti. Quando saranno fredde, tritare la metà in un mixer e tenere da parte. Tritare le bucce degli agrumi, aggiungere le spezie e tritare ancora.

Mettere nella ciotola dell’impastatrice le mandorle tritate, la farina, lo zucchero, l’ammoniaca, l’acqua e lavorare per circa due minuti. Unire poi il mix di agrumi e spezie tritati, le rimanenti mandorle tritate al coltello e lavorare fino a quando tutto il composto si sarà ben amalgamato. Rovesciarlo su un piano e formare un panetto, coprire con la pellicola trasparente e far riposare per circa un’ora.

Dividere poi l’impasto in porzioni di circa 80 g, allungarli con le mani inumidite, formare dei bastoncini e chiudere a ciambella (circa 8 cm di diametro).

Appoggiarli, distanziati di circa 2 cm, su una teglia con carta forno. Spennellare il tuorlo e il latte, mescolato in precedenza.

Cuocere in forno caldo a 180- 200°C per 15 minuti a forno statico e 10 minuti a 140°C a forno ventilato. Se si preferisce un biscotto più croccante prolungare la cottura di qualche minuto.

roccocò

 

Da non perdere

About The Author

Related posts

Leave a Reply